Casa e dintorni

Bicarbonato sul materasso: ecco come migliorare la nostra vita

Il bicarbonato di sodio è un elemento particolarmente usato per le sue innumerevoli proprietà. Trova infatti mille impieghi, sia come cosmetico sia come rimedio per pulire la casa. Ma conoscevi l’effetto straordinario del bicarbonato sul materasso?

Avrai certamente sentito parlare dell’importanza di far passare alcune ore prima di rifare il letto. In realtà, questo è vero solo se apri le finestre per far sì che il letto venga ventilato. Questo rimedio però, se serve ad uccidere gli acari della polvere, non è risolutivo. Gli acari infatti, che sono artropodi e dunque hanno un esoscheletro, morendo lasciano i loro esoscheletri su cuscini e materassi, diventando fonte di pericolo per lo sviluppo di allergie.

Cosa provocano gli acari della polvere?

Sono aracnidi visibili solo al microscopio. Sono capaci di oltrepassare i tessuti, comprese le lenzuola. Perciò, anche se cambi regolarmente le tue lenzuola, gli acari rimarranno sul materasso. Non cento o mille. Su ogni materasso ne convivono tra 100.000 e 10.000.000 secondo l’età del materasso.

È possibile che soffri di allergie, insonnia o altri disturbi senza sapere che il vero problema dorme con te ogni notte. Devi sapere che gli acari sono la prima causa di allergia e che le reazioni allergiche sono provocate da due fonti, le loro feci e le carcasse degli acari morti. Ecco perché non è sufficiente ventilare il vostro letto.

Uno dei sintomi più comuni dell’allergia provocata da questi insetti invisibili sono lacrimazione, occhi rossi, asma, tosse, starnuti, mal di gola e naso chiuso.

bicarbonato sul materasso

Tra gli effetti nocivi, però, non ci sono solo le reazioni allergiche. Problemi della pelle, insonnia e mal di testa sono sintomi da non sottovalutare. Se il tuo materasso ha più di 10 anni, la tua salute ne potrebbe risentire.

Anche il risveglio al mattino con molte cispi negli occhi è un effetto degli acari.

Come rimediare? Oltre ad essere raccomandabile cambiare il materasso ogni 10 anni, è importantissimo eseguire regolarmente una pulizia approfondita per liberarci degli acari che rappresentano un vero rischio per la nostra salute.

Pulire e disinfettare: bicarbonato sul materasso

Occorre disinfettare il materasso almeno una volta al mese. Elimina acari vivi e morti e cancella i residui di pelle, sudore e tutti i cattivi odori. Oggi ti spieghiamo come fare: è facilissimo!

Hai bisogno solo di:

  • Un bicchiere di bicarbonato di sodio (250 grammi)
  • 5 gocce di un olio essenziale (meglio se è olio di Tea Tree)
  • Un contenitore di plastica con coperchio
  • Un colino o un setaccio

bicarbonato sul materasso

Il bicarbonato è un elemento dall’alto potere antisettico. E’ economico ed efficace, ci permette di eliminare l’umidità, deodorare ed eliminare tutti i tipi di batteri, lo sporco e, ovviamente, gli acari. Per quanto riguarda l’olio essenziale, ne puoi scegliere uno della tua profumazione preferita; abbiamo indicato l’olio di Tea Tree perché è uno dei migliori disinfettanti naturali esistenti.

La prima cosa da fare è togliere le lenzuola e portare il materasso in un luogo in cui il sole splende e dove hai spazio a sufficiente per spostarlo e pulirlo. L’ideale sarebbe un balcone o una terrazza.

Prendi un contenitore di plastica e mettici dentro 250 grammi di bicarbonato di sodio. Aggiungi le 5 gocce di olio essenziale e mescola bene il tutto.

Ora, usando il colino, distribuisci questa miscela di olio e bicarbonato sul materasso. Lascia agire per un’ora. A questo punto puoi girare il materasso e ripetere l’operazione dall’altro lato. Anche stavolta, lascerai agire per un’ora.

Infine, sarà sufficiente aspirare la superficie del materasso per rimuovere tutta la sporcizia che sarà rimasta attaccata al bicarbonato.

Ripeti una volta al mese e… voilà! Il tuo materasso rimarrà perfettamente disinfettato.  In questo modo potrai ottenere un riposo più profondo e proteggerai la tua salute. Te ne accorgerai soprattutto al tuo risveglio la mattina!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: