Coronavirus: l’OMS dichiara la pandemia. Cosa significa? Cosa cambierà?

Negli ultimi giorni l’aumento vertiginoso di casi da Covid-19 in tutto il mondo ha messo in allarme rosso l’OMS. Il suo capo Tedros Adhanom Ghebreyesus durante il briefing di Ginevra si è sbilanciato e ha definito l’epidemia da Coronavirus pandemia. Queste le sue parole: Abbiamo valutato che il COVID-19 può essere caratterizzato come una situazione pandemica”.

L’Oms ha valutato questa epidemia giorno dopo giorno, e siamo profondamente preoccupati sia dai livelli allarmanti di diffusione e gravità, sia dai livelli allarmanti di inazione”.

Poi ha proseguito: “Nei giorni e nelle settimane a venire prevediamo un aumento del numero di casi, del numero di morti e del numero di Paesi colpiti”.

Cosa è una pandemia?

Non esiste una definizione scientifica di pandemia. Possiamo parlare di pandemia per indicare la diffusione di una nuova malattia a livello mondiale, per la quale le persone non sono immuni. Le sue caratteristiche principali sono la sua alta trasmissibilità e mortalità.

Coronavirus pandemia: cosa accadrà? Cosa cambierà?

L’epidemia, dunque, è ormai diffusa in tutto il mondo. Per far fronte a questa calamità l’OMS potrà mandare squadre di esperti nelle zone più colpite.

Normalmente esistono 2 modi per fronteggiare una pandemia:

  1. Adottare misure di contenimento. Cioè isolando e mettendo in quarantena gli infetti e coloro che hanno avuto contatti con loro, man mano che vengono individuati.
  2. Prendere misure di mitigazione. In questo senso, i provvedimenti tipici sono chiudere le scuole e sospendere qualsiasi tipo di evento.
NON PERDERTI  Taglia il consumo di carburante fino al 50%: tutti i trucchi!

Si tratta in entrambi i casi di provvedimenti che Cina, Italia e Iran hanno già preso, e che andrebbero applicati a livello mondiale.

La battaglia contro il Covid-19 è appena cominciata. In Cina le persone si sono responsabilizzate, utilizzando le precauzioni dovute e limitando i contatti umani. Questo ha fatto si che i casi stiano andando a diminuire.

Speriamo che questo buonsenso arrivi pure in Italia, dove sembra che le persone dopo aver preso sottogamba il problema, adesso si siano indirizzate sulla strada giusta. E non è soltanto questione di migliorare l’igiene ed usare amuchina o altro disinfettante mani; sembra che ormai, visti i duri provvedimenti adottati dal Governo, i cittadini italiani abbiano capito che bisogna restare a casa.

Noi, come sempre, siamo fiduciosi. Passata l’ondata del contagio la situazione rientrerà proprio grazie alla responsabilità di ciascuno di noi. Tutto andrà bene, ne siamo sicuri!

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 11/03/2020 e modificato l'ultima volta il 11/03/2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *