Dipendenza da cellulare: 8 motivi per vietare lo smartphone ai bambini

I risultati degli studi italiani su smartphone e tablet ai bambini sono preoccupanti; è emerso che questi strumenti sono usati abitualmente dai più piccoli e spesso sostituiscono le baby sitter. Questo può portare i bambini a sviluppare una pericolosa dipendenza da cellulare. Cosa fare?

La domanda che tutti i genitori dovrebbero farsi è: conviene vietare l’uso dei telefoni cellulari per i bambini? Ci sono alcuni aspetti che indicano che forse questa è la decisione più appropriata per il benessere e la salute dei nostri figli.

Anche se a volte possiamo pensare che le ragioni per vietare gli smartphone ai bambini possano essere un po’ esagerate, ci sono forti motivi che indicano che potrebbe essere la migliore soluzione per loro benessere. Un tempo, i bambini passavano troppe ore davanti al televisore; oggi addirittura si addormentano con i telefoni cellulari.

L’allarme sulla dipendenza da cellulare sui bambini proviene da pediatri e psicologi. Gli esperti del settore affermano che il telefono cellulare può essere gravemente dannoso per loro e sottolineano anche che sempre più  bambini usano tablet e smartphone sin da quando iniziano a interagire con il mondo esterno.

Dipendenza da cellulare: ragioni per vietare gli smartphone a bambini

Ci sono forti ragioni per cui un bambino non dovrebbe stare troppo a contatto con la  tecnologia, anche se ormai tutti i bimbi sin da piccolissimi hanno a che fare con tanti dispositivi elettronici. Come per ogni cosa è fondamentale evitare gli eccessi e cercare di regolamentare il loro uso. Ecco gli effetti della dipendenza da cellulare; rappresentano altrettanti motivi per vietare tanblet e smartphone sotto i 12 anni.

NON PERDERTI  Medico di famiglia: orari e regole della visita. Se non viene a casa può essere reato

1. Sviluppo del cervello

Poiché il cervello è esposto ad un uso eccessivo delle tecnologie, gli stimoli possono accelerarne la crescita, specialmente nei bambini di età compresa tra 0 e 2 anni. Ciò comporterebbe problemi come deficit di attenzione, ritardi cognitivi, problemi di apprendimento, aumento dell’impulsività e mancanza di autocontrollo.

2. Radiazioni in eccesso

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) classifica i telefoni cellulari come un rischio per bambini e persino per gli adulti, perché emettono troppe radiazioni. I bambini in questo caso sono più sensibili a questi agenti, il che aumenta il rischio di contrarre malattie anche molto gravi.

3. Malattie mentali

Diversi studi hanno rivelato che l’uso eccessivo di nuove tecnologie sta portando ad un aumento notevole del tasso di depressione e ansia infantile; per non parlare di disturbi affettivi, deficit di attenzione, disturbo bipolare, psicosi e altri problemi comportamentali del bambino. Tutto ciò è anche collegato ad altri fattori come i social network, in cui i bambini sono spesso esposti al cyberbullismo.

4. Comportamenti aggressivi

Con le nuove tecnologie è più probabile che i bambini ricevano contenuti violenti e aggressivi, che possono alterare il loro comportamento. Dobbiamo ricordare che i bambini imitano tutto ciò che vedono; il che rende ancora più pericoloso per loro ricevere qualsiasi tipo di contenuto senza verifica. Pertanto, i genitori dovrebbero essere molto attenti a ciò che fanno i propri figli.

NON PERDERTI  Coronavirus: l’OMS dichiara la pandemia. Cosa significa? Cosa cambierà?

 5. Dipendenza da cellulare e disturbi del sonno

Gli esperti indicano che i bambini che usano la  tecnologia  nella loro camera fino a tardi hanno maggiore difficoltà ad addormentarsi, a causa dell’uso del telefono cellulare durante la notte. Questa mancanza di sonno influirà notevolmente sul rendimento scolastico e sulla salute.

6. Deficit di attenzione

L’uso eccessivo della tecnologia può anche causare deficit di attenzione nei bambini, oltre a ridurre la loro interazione con altri bambini o in generale con le persone. Può anche ridurre la concentrazione e la memoria stessa, perché la velocità dei contenuti li influenza.

7. Obesità infantile

L’uso delle tecnologie spesso implica uno stile di vita sedentario; questo è un problema che sta aumentando notevolmente nelle famiglie. La mancanza di attività fa sì che i bambini soffrano di obesità e questo è uno dei principali fattori di rischio per malattie come il diabete e per problemi vascolari o cardiaci.

8. Dipendenza infantile

La costante sovraesposizione dei bambini alla tecnologia li rende vulnerabili.

Alcuni studi concludono che un bambino su 11 di età compresa tra gli 8 e i 18 anni è dipendente dalle nuove tecnologie; una cifra molto allarmante che con il passare degli anni può aumentare. Ogni volta che i bambini usano un dispositivo elettronico, si separano di più dai loro genitori, familiari e amici.

Quando bambini e adolescenti possono usare gli smartphone?

L’Associazione giapponese di Pediatria ha avviato una campagna per vietare gli smartphone dai bambini, suggerendo ai genitori di esercitare maggiore controllo e fare con loro altri giochi ricreativi. Da parte loro, l’American Academy of Pediatrics e la Canadian Society of Pediatrics hanno rivelato che i bambini da 0 a 2 anni non dovrebbero usare la tecnologia; mentre i bambini da 3 a 5 anni dovrebbero usarla in modo misurato e al massimo per un’ora al giorno. Infine, per i bambini e i ragazzi dai 6 ai 18 anni, l’uso non dovrebbe superare le 2 ore al giorno.

NON PERDERTI  L’addio di Fabrizio Frizzi nelle sue ultime parole a “L’eredità”

Una cosa è certa: dobbiamo conoscere i danni che le nuove tecnologie possono causare a bambini e giovani. È difficile vietare completamente l’uso di strumenti tecnologici, perché i bambini sono praticamente nati con loro; ma certamente si può evitare l’uso eccessivo, dato che questo può causare loro danni anche molto seri.

Un’idea è sostituire lo smartphone con giochi che stimolano l’intelligenza e la creatività: giochi di dinosauri, momenti all’aria aperta, passeggiate in spiaggia a camminare a piedi nudi, le buone vecchie costruzioni; insomma con un po’ di inventiva i bambini possono giocare in modo orientato e sviluppare le proprie capacità.

Inoltre è importantissimo che i bambini non sostituiscano il tempo di gioco con i genitori o la lettura di un libro con l’uso di dispositivi elettronici; finirebbero per avere minori opportunità di sviluppo emotivo e razionale.

Sei d’accordo? Scrivici la tua opinione nei commenti!

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 19/10/2019 e modificato l'ultima volta il 19/10/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *