Curiosità

La “dolce attesa”: tutto quello che nessuno ha mai osato dirvi

I segreti che ogni donna dovrebbe conoscere per affrontare al meglio i nove mesi di gravidanza. Il decalogo sconosciuto a tutte le future mamme.

Ah, la dolce attesa… A quale donna non è capitato di scorgere appena appena quelle due lineette sul test di gravidanza e ritrovarsi a sognare ad occhi aperti in poco più di un minuto gli interi nove mesi a seguire? Mesi di coccole, gentilezze, premure, massaggi di olio alle mandorle, acquisti per il corredino, ecc, ecc. Bene Signore Future Mamme, la gravidanza non è soltanto questo, ma è molto molto di più. Ma soprattutto quello che avete immaginato, sentito e letto in materia: non corrisponde a verità!

Intanto, per iniziare, bisognerebbe capire a chi è venuto in mente di definire la gravidanza come “dolce attesa”? ahimè in quei lunghi nove mesi di dolce c’è veramente poco, anzi sarebbe più corretto dire nulla.

Comunque tornando a noi ed al momento in cui le due lineette ti si scolpiscono in mente, quello sarà un giorno che ricorderai per tutta la vita e ciò per diversi ordini di ragioni che chiaramente prescindono dall’epilogo.

1. Le nausee mattutine

Saranno un momento cruciale della vostra “dolce attesa”. Intanto signore belle sappiate per chi ne soffre o ne soffrirà, che il fatto che le abbiano chiamate nausee mattutine non vuol dire che avrete la nausea e quel senso di spossatezza che vi scombussolerà il corpo e l’anima soltanto al mattino. Proprio no. Le nausee mattutine vi accompagneranno ogni momento della vostra giornata; la salivazione aumenterà in maniera esponenziale e sembrerete un lama incazzato che ingurgita quintali di crakers che a voglia a ruminare, il più tosto ruminante delle Ande in confronto a voi sembrerà un novellino.

2. Le visite mensili dal ginecologo

Che voi siate le più disinibite donne che il ventunesimo secolo abbia mai visto o che siate pudìche come Santa Maria Goretti, sappiate che la vostra dignità di donna ne uscirà piuttosto “ammaccata”.

3. Il corpo che cambia

Il pancino cresce giorno dopo giorno, ma non solo. No, assieme al pancino crescerà tutto e con tutto intendo dire TUTTO. Dapprima il pancino, poi le tette (poco male), poi il sedere (ho visto natiche in dolce attesa che voi umani…), i fianchi, il viso, il naso, il collo, le gambe, i piedi, le dita, gli alluci, persino i mignoli. Insomma, a meno che voi non siate delle fissate in fatto di alimentazione e con fissate intendo che decidiate di nutrirvi con gambi di sedano e litri di acqua, allora sappiate che la gravidanza ingrassa e tanto. Che poi i chili presi si riperdono, niente di più difficile, fattibile, ma difficile.

dolce attesa

4. La fame atavica

Sarà la vostra fidata amica per tutti i nove mesi di gravidanza. La fame durante la dolce attesa è qualcosa che non si può spiegare, paragonabile solo all’emozione della gravidanza stessa. Ingurgiterete miliardi di calorie in nome di quel bimbo che portate in grembo e che ha bisogno di cibo per crescere, incalzate e sostenute dalla nonna o dalla zia di turno che, anche se non avete mai sopportato nella vostra vita, andrete a cercare solo per sentirvi dire: “mangia, se no il piccolo come cresce”.  Cose che farebbero impallidire persino il Dr. Nowsaradan.

5. Gli alimenti vietati

In gravidanza, si sa, bisogna alimentarsi in maniera corretta e con alimenti sicuri. Sappiate che non importa se voi siate state fino a questo momento vegane convinte o che non abbiate mai mangiato il pesce crudo; da questo momento in poi avrete la certezza di non poter vivere senza una cozza cruda o senza una fetta di culatello. Roba che sognerete ogni notte fino al parto il momento in cui potrete strafogarvi di salame o di pesce crudo.

6. L’intimità in dolce attesa

Argomento difficile. Gli ormoni, come sempre, giocano un ruolo fondamentale. Allora, le alternative sono due antitetiche, ma due, categoriche, non subiscono alcuna sfumatura né eccezione. Vi dico anzitempo, che la peggio in ogni caso sarà dei vostri mariti o compagni, perché qualsiasi sia la vostra di alternativa, il futuro papà ne pagherà il prezzo.

Può darsi che i vostri ormoni decidano di prendersi un periodo sabatico il ché prelude alla pace dei sensi; a voglia che vostro marito vi prepari cene a lume di candela, sorprese inaspettate o massaggi afrodisiaci: i vostri sensi al momento saranno sopiti, anestetizzati, morti.

Però potrebbe darsi che voi siate della seconda specie, quelle a cui gli ormoni fanno festa, sguazzano, si scompligliano di continuo ed allora diventerete una sorta di ninfomane che stenterete voi stesse a riconoscere. In quest’ultimo caso, vostro marito fingerà svenimenti pur di sfuggirvi, inventerà turni di lavoro non stop, si prenderà la licenza per fare il taxista di notte per scampare allo stalkeraggio continuo cui voi lo costringerete. Il pover’uomo nel caso sarà facilmente riconoscibile: di colore pallido, occhiaie, smunto, smagrito, esangue. Nonostante tutto voi sarete comunque frustrate e insoddisfatte.

7. Le notti

In dolce attesa sono lunghe, troppo lunghe. A qualsiasi ora voi andiate a dormire vi sveglierete sempre attorno alle 3,00 e penserete a tutti i problemi del mondo che in quel momento saranno i vostri, cose come l’inquinamento globale o il disgelamento dei ghiacciai, anche quelli saranno problemi vostri. Riposare comodamente sarà inversamente proporzionale al crescere del vostro pancino. Più il pancino cresce e meno dormirete.

Il tutto sarà aggravato per chi dorme a pancia in giù. In quel caso, potrete spostare il vostro talamo nuziale in spiaggia, dove potrete scavare una comoda buca dentro la quale adagiare la vostra pancia. Avendo cura, prima di posizionarvi, di prenotare il servizio rimorchio per la sveglia.

8. La pipì

Continua e inesorabile, malfidata amica di questi mesi sovente vi farà pensare al catetere quale unica strada percorribile. Potrà seriamente compromettere la vostra qualità della vita!

9. Le domande della gente

Vi si avvicineranno persone con cui non scambiavate una parola dai tempi dell’asilo e tutte, dico tutte, vi porranno le stesse domande. Bisognerebbe, poter andare in giro con un registratore in tasca e consegnarlo al soggetto di turno così ché possa sentire soddisfatta la sua curiosità in una unica soluzione, senza neppure la scomodità di dover formulare le domande.

10. Il nono mese

Tutti i punti precedenti assumeranno toni esasperati in quest’ultimo mese. Sarete a questo punto una biscia incazzata, guai a starvi vicino.

Ma quello che dovete veramente sapere future mamme è che tutto questo svanirà come per magia nel momento in cui stringerete il vostro cucciolo tra le braccia, quell’istante in cui avrete la percezione che il vostro cuore abbia assunto sembianze umane, quell’attimo in cui annuserete il suo odore che sarà da quel momento in poi il profumo della vostra vita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi network!

Leggi anche: