Psicologia

Non riesci a dormire? Il metodo 4-7-8 ti farà addormentare in 60 secondi

Hai mai sentito parlare del metodo 4-7-8, la tecnica che permette a chiunque di combattere l’insonnia e addormentarsi in meno di un minuto? Se hai difficoltà a prendere sonno stenterai a crederci: addormentarsi in soli 60 secondi ti sembrerà un miraggio o peggio una bufala. Eppure non si tratta di una formula magica, ma di un metodo di validità scientifica ideato da un medico statunitense, Andrew Weill, laureato ad Harvard e autore di saggi che hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo.

Il sistema studiato da Weill è denominato appunto “metodo 4 7 8” ed è basato interamente sul respiro. Si tratta di un “calmante naturale per il sistema nervoso” che sarà in grado di rilassare completamente il nostro corpo e farci scivolare nel sonno in pochi secondi.

Come si pratica il metodo 4-7-8

Non ci sono formule magiche: niente tisane, medicinali o additivi vari: solo una sana respirazione.

Prima di tutto bisogna fare un respiro lento e profondo ed espellere tutta l’aria dai polmoni. Immediatamente dopo, con la bocca chiusa bisogna inspirare con il naso e contare mentalmente fino a quattro. A questo punto bisogna trattenere il respiro contando fino a sette, quindi l’aria andrà espirata attraverso la bocca, stavolta contando fino a otto. Secondo il medico, questo ciclo va ripetuto solo tre volte.

metodo 4-7-8

Metodo 4-7-8 e Pranayama

La tecnica è basata sul Pranayama, un’antica pratica indiana che tradotta letteralmente significa “controllo ritmico del respiro“. Viene impiegata una quantità extra di ossigeno che passa attraverso il corpo e provoca un effetto rilassante sul sistema nervoso parasimpatico. La persona che lo pratica si sentirà immediatamente più calma.

Il fondamento è semplice. Nei periodi si particolare stress il sistema nervoso viene stimolato eccessivamente e questo provoca uno squilibrio che altera la capacità di addormentarsi o di dormire serenamente. Secondo il dottor Weiss il metodo 4-7-8- permette a chi lo pratica anche la possibilità di allontanare lo stress e i pensieri negativi della giornata, portando ad una maggiore connessione con il proprio corpo. Può essere eseguito in qualsiasi circostanza (nei limiti dei pochi respiri previsti, per un massino di 3 o 4) e si rivela anche un ottimo rimedio nel caso di ansia e blocchi del respiro.

metodo 4-7-8

Lo stesso Weill ha spiegato l’effetto che il suo metodo ha fatto su di sé: “L’ho provato e mi sono immediatamente sentito meglio. Ho preso per anni farmaci  contro l’ansia. Ma dopo quattro serie di questi respiri riuscivo a sentirmi meno agitato”.

Il consiglio dell’ideatore della tecnica per vedere ottimi risultati è quello di allenarsi almeno due volte al giorno per alcune settimane (circa sei o otto). Dopo questo periodo di allenamento sarà ancora più semplice raggiungere l’obiettivo e addormentarsi in 60 secondi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: