La spezia che ripara la retina e migliora la vista del 97%

Uno dei primi sintomi dell’invecchiamento è rappresentato dal progressivo indebolimento della vista. Dopo i 50 anni il fenomeno è piuttosto frequente, se si pensa che solo in Italia ne soffrono almeno 3 milioni e mezzo di persone. La principale causa che porta alla perdita della vista è la degenerazione maculare. La macula non è altro che la parte centrale della retina, per intenderci quella che ci permette di distinguere i dettagli, riconoscere i grafemi e che in breve ci permette di leggere e di guidare. Per la gravità del problema, tutti si saranno chiesti se esiste un rimedio che migliora la vista in modo incisivo.

La degenerazione maculare non è altro che la morte delle cellule della macula. Si manifesta con alcuni sintomi, come la distorsione delle immagini al centro del campo visivo, la deformazione delle immagini o la comparsa, nei casi più gravi, di una macchia nera al centro del campo visivo.

Le cause? In realtà sono molteplici ma tutte correlate ad uno stile di vita scorretto. Fumo, alcool, diabete mellito, esposizione a sorgenti intense di luce (pc o smartphone) sono tutti fattori che contribuiscono, ove non ne siano la causa esclusiva, al peggioramento della vista e alla degenerazione maculare.

Lo zafferano migliora la vista: il suo potere curativo

Recentemente sono stati studiati gli effetti della assunzione di grandi quantità di carotenoidi vegetali sulla prevenzione e il rallentamento della degenerazione maculare.

NON PERDERTI  Sciroppo curcuma e miele anche detto Miele d'oro: ecco come prepararlo

La ricercatrice italiana Silvia Bisti e il suo pool di scienziati hanno scoperto i vantaggi di una comunissima spezia, lo zafferano. E’ stato infatti scoperto un effetto sorprendente sui geni che regolano la funzionalità dei fotorecettori negli occhi. La spezia protegge gli occhi dai danni che si manifestano con l’età, e si è dimostrata capace non solo di rallentare ma addirittura di invertire il decorso della degenerazione maculare. In particolare, lo zafferano si è dimostrato in grado di influenzare i geni che regolano il contenuto di acidi grassi della membrana cellulare; questo porta i fotorecettori ad essere più forti e più resistenti. Oltre alla riparazione della retina, si è riscontrata una maggiore protezione dell’occhio dagli effetti nocivi della luce.

Lo zafferano può migliorare la sensibilità alla luce e la stessa acuità visiva. I risultati sono stati così stupefacenti che in poco tempo i pazienti sottoposti alla ricerca si sono rivelati in grado di leggere ben due righe in più nella tabella usata per la misurazione della vista.

Lo zafferano è sicuramente una spezia molto usata in cucina. Quasi nessuno sa che vanta questi straordinari effetti benefici per la nostra vista. Vanta un impegno millenario e viene usato da tempi antichissimi nelle tradizioni asiatiche. In particolare, si è scoperto di recente che lo zafferano ha proprietà antitumorali e antiossidanti. In ogni caso, l’azione protettiva per gli occhi non è solo merito del suo potere antiossidante, ma certamente possiede proprietà ben più specifiche per proteggere gli occhi.

NON PERDERTI  Palpebre cadenti: la ricetta magica per tirarle su

Come usare lo zafferano per la vista

Ovviamente può essere usato nel modo “normale” per la preparazione di ottimi risotti. In ogni caso può essere assunto semplicemente sciogliendone un cucchiaino (un grammo) in un bicchiere d’acqua. Fai bollire l’acqua, aggiungi lo zafferano e addolcisci con un po’ di miele. Il rimedio andrebbe assunto prima di andare a dormire. Lo zafferano non solo migliora la vista ma purifica il sangue, riduce i trigliceridi e colesterolo e fornisce un attimo aiuto nel trattamento delle artriti.

Come sempre, il rimedio illustrato non può in alcun caso sostituire un parere medico o oculistico.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: 

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 05/01/2018 e modificato l'ultima volta il 03/08/2018