Ecco perché ci innamoriamo solo tre volte nella vita

Tutti noi incontriamo nella vita numerosissime persone, ma solo nei confronti di qualcuno riusciamo a provare un sentimento diverso. Non è questo il contesto per approfondire cosa sia il vero amore, perché ci innamoriamo, cosa si provi veramente quando si ama o cosa fa scattare la scintilla nei confronti della persona che amiamo. Un segno comune che assimila tutti noi, ad ogni modo, esiste: sembra che nell’arco dell’intera vita ci si innamori di tre persone soltanto. E questo avrebbe anche delle ragioni ben precise.

Potresti anche non essere d’accordo: ma da questa analisi potrai trarre comunque qualche rivelazione e scoprire qualcosa in più di questo strano sentimento.

1. Il primo amore è quello giovanile

È l’amore idealistico della gioventù, quello romantico che sembra uscito da una favola. È una tappa importante della nostra vita, e la sua funzione sta nell’aiutarci a comprendere che quello che pensavamo potesse esistere solo nei sogni esiste invece anche nella realtà.

Si tratta dell’amore dei sogni ad occhi aperti e quando lo si vive si è completamente immaturi per affrontare una vera storia d’amore. Ci permette grandi sogni, è vero, ma anche la convinzione che sia l’unico della nostra vita, a dispetto delle effettive difficoltà che si incontrano nel portarlo avanti. Anzi, chi lo vive è pronto a giurare che l’amore sia proprio questo: affrontare gli ostacoli in nome di un qualcosa di grande ed eterno.

NON PERDERTI  Familiari tossici: come possiamo difenderci?

Inoltre, conta più il modo in cui viene visto dalle persone che si stanno accanto che quello che si prova realmente.

2. Il secondo amore: tormento e dipendenza 

Si tratta dell’amore tormentato, ricco di complicazioni. Permette di conoscere meglio il nostro carattere e scoprire cosa veramente vogliamo dall’amore.

È l’amore drammatico che provoca dolore, rabbia, dipendenza emotiva. Ti fa scoprire che la persona che hai accanto non può offrirti quello che cerchi: bugie, attese tormentate, manipolazione sono gli aspetti che più caratterizzano questo tipo di relazione.

Si tratta di un legame altalenante, fatto di momenti di euforia emotiva seguiti da espressioni di dolore e rabbia che a lungo andare logorano il rapporto; è ricco di alti e bassi ed è proprio questa ricerca continua di equilibrio che crea una dipendenza difficile da sciogliere.

Quando ci si imbatte nel “secondo amore” si pensa di aver fatto una scelta completamente diversa rispetto alla prima. In realtà, anche questa relazione nasce sulla spinta della necessità di conoscere se stessi. È un tipo di rapporto che può ripetersi più volte, con più persone. Questo accade perché spesso non si riesce a passare oltre e ci si perde dietro a relazioni che portano solo a perdere fiducia nell’amore.

NON PERDERTI  Rapporto madre figlia: litigare significa che siete uguali

3. Il terzo amore è quello inaspettato

Sembrava non dover mai arrivare: irrompe all’improvviso nella tua vita e ti fa comprendere con chiarezza il motivo che ha impedito agli altri amori di funzionare.

È completamente diverso da quelli vissuti in precedenza: il “terzo amore” è uno scossone che toglie dalla testa l’ideale di amore che avevi in mene. È spontaneo e non richiede aggiustamenti o arrovellamenti di sorta: accade, e questo basta.

Improvvisamente tutto diventa semplice: non è la favola del primo amore né il tormento del secondo. Ti fa perdere le aspettative, le pressioni e ti fa vivere tutto come semplicemente dovrebbe essere, con naturalezza e spensieratezza.

Il terzo è un amore tranquillo, fatto di tutti quegli ingredienti necessari perché duri per sempre. Se proprio dobbiamo dirlo, il vero amore non è quello che sembra una tempesta, quello contro cui devi lottare. Il vero amore somiglia alla notte dopo un forte temporale, quando tutto è quieto e si può finalmente ascoltare il suono del mare.

Tiriamo le somme: ecco perché ci innamoriamo 3 volte

Abbiamo forse un po’ semplificato i tre tipi di amore che ciascuno di noi vive. Forse non ti ritrovi perfettamente in questa sequenza; quel che è certo è che prima di trovare il vero amore bisognerà scontrarsi con tutto ciò che l’amore non è. Cambia solo il tempo necessario ad acquistare la giusta consapevolezza rispetto a questo sentimento: per qualcuno arriva dopo pochi anni, per qualcun altro serve un’intera via.

NON PERDERTI  Come chiudi il pugno? Il curioso test che rivela molto di te

Adesso dovrebbe esser più chiaro il perché ci innamoriamo tre volte. Forse avrai pensato che chi ha vissuto il primo amore ed è riuscito a farlo durare per sempre sia più fortunato. Questo potrà anche essere vero, ma vivere tutte e tre le fasi porta a conoscere l’amore in tutte le sue sfaccettature e ad apprezzarlo quando arriva quello vero. Solo chi dopo tanti tentativi falliti si sente stanco di soffrire, di sbatterci con la testa, di ripartire da zero, quando finalmente trova la dimensione giusta può vivere una vita piena e felice.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche:

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 18/03/2018 e modificato l'ultima volta il 14/10/2018