10 sintomi che ti faranno capire se hai problemi alla tiroide

La tiroide è una ghiandola importantissima. Svolge un ruolo centrale per l’equilibrio del metabolismo e per il  funzionamento di molti organi come cuore, cervello, fegato e reni. Un organismo sano richiede una tiroide funzionante; tuttavia gli squilibri sono sempre più frequenti, soprattutto per la sempre maggiore diffusione della tiroidite di Hashimoto che colpisce una larga fetta della popolazione femminile.

Le disfunzioni di questa preziosa ghiandola sono solitamente distinte in ipertiroidismo e ipotiroidismo. Possono provocare notevoli cambiamenti, coinvolgendo non solo il corpo ma numerosi aspetti del nostro stile di vita. Non è semplice scoprirle: i sintomi delle malattie tiroidee sono aspecifici, cioè comuni a molte altre patologie. Tuttavia se si è in presenza di familiarità per problemi questo tipo, un controllo va fatto. In ogni caso i campanelli d’allarme vanno riferiti al medico di famiglia, che prescriverà i dosaggi ormonali opportuni. Nel caso di disfunzione, occorrerà rivolgersi ad un endocrinologo che fisserà l’intervento terapeutico.

Ma quali sono i segnali che fanno scoprire i problemi alla tiroide?

1) Pelle secca, unghie fragili e perdita dei capelli

Pelle, unghie e capelli sono le prime parti del corpo a risentire dello squilibrio ormonale. Nel 97% delle persone affette da ipotiroidismo la pelle è fredda, secca e ruvida; le unghie sono fragili e i capelli deboli e opachi. L’ipertiroidismo provoca variazioni diverse: la pelle diventa umida, fragile e sottile, i capelli possono diventare ruvidi, secchi e spezzarsi facilmente. Un altro segnale caratteristico di tutte le patologie tiroidee è la improvvisa e abbondante caduta dei capelli.

NON PERDERTI  Disbiosi intestinale: la morte comincia nel colon

2) Alterazioni del peso

Anche una forte perdita di peso o, al contrario, un vistoso aumento possono segnalare un problema alla tiroide. Aumentare di peso nonostante una dieta dimagrante o un allenamento costante può rappresentare un segnale di ipotiroidismo. Un improvviso calo di peso, al contrario, può significare un eccessivo funzionamento della tiroide. Questo perché gli ormoni tiroidei influenzano il metabolismo di grassi e carboidrati. Un’alterazione della tiroide si riflette quindi sul peso corporeo: l’aumento di peso accompagna il 57% dei casi di ipotiroidismo, a causa della riduzione dell’attività metabolica e della ritenzione idrica. Invece nel caso di ipertiroidismo una percentuale che varia dal 52 all’85% dei soggetti vanno incontro ad un sensibile dimagrimento dovuto all’aumento del metabolismo.

3) Ansia, depressione e attacchi di panico

Anche stati di ansia, depressione ed attacchi di panico possono essere sintomi di problemi tiroidei. Solitamente l’ipotiroidismo viene associato alla depressione, mentre l’ipertiroidismo si presenta con stati di ansia e attacchi di panico. Una caratteristica dei problemi di tiroide è rappresentata dalla perdita di equilibrio anche durante il sonno. Ad ogni modo, se il trattamento con antidepressivi non funziona sarà facile capire che la depressione non c’entra nulla.

4) Alterazioni della sfera psico-intellettiva

Ancora, i casi di ipotiroidismo sono spesso associati a disturbi della memoria, difficoltà di concentrazione, pensiero rallentato e scarso rendimento. L’ipertiroidismo, invece, è caratterizzato da nervosismo e sbalzi di umore.

NON PERDERTI  Mascherina antivirus fai da te: il tutorial del farmacista per realizzarla in 2 minuti

5) Dolori muscolari e articolari

Tra i sintomi analizzati abbiamo anche i dolori muscolari e articolari. Nel caso di ipotiroidismo i segni caratteristici sono soprattutto debolezza muscolare, dolori e crampi, ma anche tunnel carpale e tendiniti. Le persone affette da ipertiroidismo hanno spesso difficoltà a salire le scale e ad afferrare gli oggetti.

6) Affaticamento e senso di stanchezza

Stanchezza e affaticamento, necessità di riposare oltre il normale, perdita di energia rappresentano sintomi tipici di problemi alla tiroide. Soprattutto, lasciano pensare ad una condizione di ipotiroidismo. Nel caso di ipertiroidismo si presenta anche l’insonnia, che contribuisce ad aggravare la stanchezza diurna.

7) Caldo o freddo eccessivo

Una improvvisa variazione ormonale porta a sentire caldo o freddo senza motivo. Questo perché il corpo manifesta incapacità di regolare la temperatura. In particolare l’ipotiroidismo porta a sentire freddo e ad avere mani e piedi freddi; l’ipertiroidismo invece può causare sudore e insofferenza al caldo.

8) Disordini intestinali

Le disfunzioni alla tiroide possono essere accompagnate da problemi intestinali. La stitichezza è spesso associata all’ipotiroidismo, mentre la diarrea o la sindrome del colon irritabile accompagnano l’ipertiroidismo.

9) Problemi mestruali e di fertilità

Un ciclo troppo abbondante, frequente o doloroso viene solitamente associato all’ipotiroidismo. Al contrario, mestruazioni più brevi o meno frequenti, e problemi di fertilità possono nascondere un ipertiroidismo.

10) Impennate nei valori di colesterolo

Anche il colesterolo varia in presenza di problemi alla tiroide. Il colesterolo alto, soprattutto se i livelli non si abbassano neanche con i medicinali, può nascondere un ipotiroidismo. Invece l’ipertiroidismo non è quasi mai accompagnato da valori bassi di colesterolo.

NON PERDERTI  Stanchezza cronica: cause, sintomi e rimedi naturali

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: 

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 06/01/2018 e modificato l'ultima volta il 02/07/2018