Quanto sei selfie-dipendente? Questo test è in grado di dirtelo

Secondo alcuni studiosi scattare selfie in continuazione non è solo una moda, ma nasconderebbe una vera e propria patologia. Oltre ai personaggi famosi sono sempre più le persone che inondano Facebook Instagram e gli altri social di selfies fatti da soli o in compagnia. L’autoscatto condiviso sui social potrebbe anche essere innocuo; a volte però si riscontra una dipendenza da selfie molto seria che può nascondere la presenza di altri e ben più gravi problemi. Sei anche tu selfie dipendente? O conosci qualuno che lo è?

Premettiamo che l’abitudine di fare selfie è universale. Tutti, dai più grandi ai più piccoli, sono ormai abituati all’autoscatto. Se ogni tanto lo fai anche tu, quindi, non ti allarmare: non sei selfie dipendente. Ben diverso è il caso di “Selfite” – così è stata ribattezzata l’ossessione per il selfie – che sembra essere una condizione mentale patologica. Il termine, coniato per la prima volta nel 2014 in un articolo dell’American Psychiatric Association, è oggi sinomimo di un vero e proprio disturbo mentale.

Per comprendere il grado di selfite, un gruppo di ricercatori della Nottingham Trent University e della Thiagarajar School of Management a Madurai (India) ha indagato sul fenomeno e ha elaborato un test per verificare il grado di gravità del disturbo.

Vuoi fare il test?

Molto semplice da eseguire, il test messo a punto dagli psicologi si limita a 20 affermazioni. A ciascuna di esse, bisogna attribuire un punteggio che va da un minimo di 1 (completamente in disaccordo) ad un massimo di 5 (totalmente d’accordo). Eccole:

  1. Fare un selfie mi dà la sensazione di apprezzare di più l’ambiente in cui mi trovo
  2. Condividere i miei selfie crea una sana competizione con i miei amici o colleghi
  3. Ottengo molta attenzione condividendo i miei selfies sui social network
  4. Spesso fare un selfie a riduce il mio livello di stress
  5. Mi sento sicuro/a quando faccio un selfie
  6. Sono più apprezzato/a dai miei coetanei quando scatto dei selfies e li condivido sui social
  7. Attraverso i selfies riesco ad esprimere meglio me stesso/a nel mio ambiente
  8. Assumere pose diverse nei selfie mi aiuta ad accrescere il mio status sociale
  9. Mi sento più popolare quando pubblico i miei selfie sui social
  10. Farmi più selfie migliora il mio umore e mi rende felice
  11. Divento più positivo/a quando faccio dei selfie
  12. Divento la persona più forte del mio gruppo grazie ai selfie che pubblico
  13. Farsi selfie fornisce ricordi più belli sull’occasione e sull’esperienza
  14. Pubblico spesso dei selfie per ottenere più commenti e “mi piace” sui social
  15. Quando pubblico un selfie, mi aspetto che i miei amici mi rispondano
  16. Scattarmi selfie cambia immediatamente il mio stato d’animo
  17. Faccio molti selfie e li guardo privatamente per aumentare la mia autostima
  18. Quando non mi scatto selfie, mi sento isolato/a dai miei coetanei
  19. Considero i selfie come dei trofei per i futuri ricordi
  20. Uso app di fotoritocco per migliorare il selfie in modo da apparire migliore agli occhi degli altri
NON PERDERTI  Il modo in cui tieni la mano del partner nasconde verità segrete: ecco quali

Scopri il risultato: sei selfie dipendente?

Sommando i punti di tutte le domande avremo tre tipi di risultato:

1. Punteggio da 0 a 33

Chi ottiene questo punteggio, se non proprio selfie dipendente, è “borderline”, cioè ha l’abitudine di fare selfie almeno tre volte al giorno ma non li pubblica sui social media.

2. Punteggio da 34 a 67

Questo risultato rivela una dipendenza acuta: la persona scatta molti selfie e ha l’abitudine di pubblicarli sui social.

3. Punteggio da 68 a 100

Hai una dipendenza cronica da selfie. Senti il bisogno incontrollabile si scattare selfie in continuazione, pubblicandole sui social più di sei volte al giorno.

La scala da 1 a 100 è stata compilata dopo alcuni test effettuati su gruppi focus con 200 partecipanti, che hanno esaminato i fattori che portano alla condizione di selfite. Dopo questa prima fase, il team ha testato la scala eseguendo un sondaggio su 400 partecipanti.

La ricerca è stata pubblicata sull’International Journal of Mental Health and Addiction e ha interessato l’India, il Paese che conta il più altro numero di utenti Facebook e che ha il tasso più alto di giovanissimi morti legati ai selfie tra i giovanissimi, morti, cioè, nell’intento di scattarsi un selfie. Lo studio ha messo in luce che nel periodo considerato il 60% dei casi di morti giovani erano legati a questo tipo di mortalità.

NON PERDERTI  L'autostima si rafforza in un mese: ecco 9 consigli!

Selfie e autostima

Non solo. Il rapporto tra eccesso di selfie e autosima è molto stretto. I fisiologi hanno scoperto che le persone che hanno manifestato “selfite” sono alla costante ricerca di attenzione e spesso mancano di fiducia in se stessi. Pubblicano costantemente immagini di sé nella speranza che le loro credenziali sociali aumentino e che possano sentirsi parte di un gruppo.

Gli stessi autori dello studio scrissero: “Come per la dipendenza da Internet, i concetti di selfite e dipendenza da selfie sono stati visti come bufale senza fondamento, ma recenti ricerche, incluso il presente documento, hanno iniziato a convalidare empiricamente la sua esistenza.”

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche:

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 04/03/2018 e modificato l'ultima volta il 04/03/2018