Come sentire che il tuo Angelo Custode è accanto a te

Tutti noi, da piccoli, abbiamo imparato la preghiera dell’angelo custode. Ma quanti da adulti credono veramente nell’esistenza di un angelo custode che ci guida e ci protegge?  E quanti conoscono l’importanza e la potenza che gli angeli possono avere sulla nostra vita?

L’angelo custode è sicuramente la creatura celeste più vicina a noi. Ci è stato assegnato fin dalla nascita e rimane con noi per tutta la vita, nei momenti felici e in quelli più oscuri. Alcuni riescono a sentire la sua presenza, ma tutti noi possiamo avvertire la sensazione di un qualcosa di sottile che ci accompagna in un determinato momento della nostra vita.

Ecco cosa devi sapere sull’Angelo Custode

1. E’ reale

L’esistenza degli angeli custodi non è un’invenzione per far addormentare i bambini. Nelle Sacre Scritture i riferimenti agli angeli sono innumerevoli. Gli Angeli Custodi sono esseri reali: “L’esistenza degli esseri spirituali, che la Sacra Scrittura chiama abitualmente angeli, è una verità di fede. La testimonianza della Scrittura è tanto chiara quanto l’unanimità della Tradizione… In quanto creature puramente spirituali, essi hanno intelligenza e volontà: sono creature personali e immortali. Superano in perfezione tutte le creature visibili. Lo testimonia il fulgore della loro gloria… Dall’infanzia fino all’ora della morte la vita umana è circondata dalla loro protezione e dalla loro intercessione. Ogni fedele ha al proprio fianco un angelo come protettore e pastore, per condurlo alla vita” (Catechismo della Chiesa Cattolica 328 330 336).

2. Tutti ne abbiamo uno

L’angelo custode è unico per ciascuno di noi e non viene condiviso con nessuno. Come diceva San Basilio Magno, “Ogni fedele ha al proprio fianco un angelo come protettore e pastore per condurlo alla vita”. Si tratta di una vera e propria benedizione di Dio, proprio per il ruolo così importante che rivestono per il nostro benessere spirituale. “Grande è la dignità dell’anima degli uomini, perché ognuno di essi ha dall’inizio della vita un angelo incaricato di proteggerlo”. (S. Girolamo)

NON PERDERTI  Test madre bambino: quale delle due donne è la madre?

3. Può condurci in Cielo

Il nostro angelo custode ci protegge dal male, ci assiste nella preghiera, ci aiuta a prendere decisioni sagge e ci rappresenta davanti a Dio. Riesce ad agire sui nostri sensi e sul nostro pensiero, ma non può modificare la nostra volontà. L’angelo custode non può decidere al posto nostro, ma ci incoraggia a scegliere bontà, verità e bellezza.

angelo custode

4. Non ci abbandona mai

Gli angeli custodi camminano al nostro fianco e aiutano continuamente la nostra anima. Neanche la morte ci separerà dal nostro angelo, che rimane costantemente al nostro fianco. Sono bellissime le parole di Papa Benedetto XVI: “Cari amici, il Signore è sempre vicino e operante nella storia dell’umanità, e ci accompagna anche con la singolare presenza dei suoi Angeli, che oggi la Chiesa venera quali ‘Custodi’, cioè ministri della divina premura per ogni uomo. Dall’inizio fino all’ora della morte, la vita umana è circondata dalla loro incessante protezione”.

5. Non ha niente a che vedere con i nostri defunti

Gli angeli sono creature spirituali dotate di intelligenza e volontà. Sono stati creati da Dio per glorificarLo e servirLo per l’eternità. Non è vero quello che spesso si sente dire per consolare chi ha perso una persona cara: gli angeli non sono defunti e infatti la loro natura non è umana.

6. E’ un essere spirituale molto potente

Gli angeli custodi sono superiori agli uomini. Anche se sono stati mandati sulla terra per noi, sono costantemente alla presenza di Dio. Hanno poteri spirituali molto forti e capacità che gli uomini non hanno. Sono sempre accanto a te per proteggerti, difenderti e vegliare su di te. “Cristo è il centro del mondo angelico. Essi sono i suoi angeli: ‘Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli…” (Catechismo Chiesa Cattolica, 331)

NON PERDERTI  10 alimenti per migliorare la concentrazione dei bambini

7. Lotta incessantemente per la nostra anima

Anche se non ce ne rendiamo conto, l’aiuto ricevuto attraverso l’angelo custode è costante e potentissimo. “Quando siete tentati, invocate il vostro angelo. Lui vuole aiutare voi più di quanto voi vogliate essere aiutati! Ignorate il diavolo e non abbiate paura di lui; trema e fugge alla vista del vostro angelo custode.” (San Giovanni Bosco)

Come contattare l’angelo custode

Come facciamo a sapere se l’angelo custode è a nostro fianco? Molti assicurano di averlo visto con i propri occhi o di avere avuto segni chiari della sua esistenza. Nelle situazioni di pericolo potremmo aver sentito una presenza benevola accanto a noi, oppure una sensazione di grande gioia o benessere anche senza averne un motivo apparente.

Molti pensano che ricevere attenzioni tangibili da parte degli angeli sia un privilegio di pochi. In realtà non è così. Gli angeli sono ben felici di aiutarci quando ne abbiamo bisogno: è proprio questa la loro missione sulla Terra. Come contattarli? Per chiedere l’aiuto sperato o semplicemente ringraziare il nostro angelo custode il modo più semplice è la preghiera, che va recitata a bassa voce, quasi sussurrata. Chiedi all’angelo custode di proteggerti in una determinata situazione, di consigliarti, di sostenerti. Più semplicemente puoi recitare la sua preghiera:

“Angelo di Dio che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me

che ti fui affidato dalla Pietà celeste. Amen”

Quando si manifesta l’Angelo Custode?

La preghiera non è il solo modo. A volte gli angeli decidono di intervenire senza nessuna richiesta da parte nostra, proprio perché il loro compito è quello di proteggerci. Desiderando aiutarci, soccorrono in nostro aiuto in tutte le questioni della nostra vita, anche senza che ce ne rendiamo conto.  In particolare gli angeli vanno in soccorso di coloro che sono in pericolo di vita. Sono numerose le testimonianze di visioni angeliche intervenute in momenti drammatici o di interventi “miracolosi” che hanno salvato la vita di qualcuno. Con i bambini sembra si manifestino più apertamente: secondo alcuni studi, nei primi anni di vita i bambini vedono gli angeli. 

NON PERDERTI  Rapporto madre figlia: litigare significa che siete uguali

Quale che sia il modo con cui preferiamo metterci in contatto con il nostro Angelo Custode, dobbiamo ricordare che la sua presenza è frutto dell’amore del nostro Padre celeste. E’ molto bello allora vedere il nostro angelo come un dono di Dio per aiutarci ad ottenere la grazia necessaria per vivere e infine per accedere al Cielo.

Sono bellissime le parole di Papa Francesco: “Io, oggi, farei la domanda: com’è il rapporto con il mio angelo custode? Lo ascolto? Gli dico buongiorno, al mattino? Gli dico: ‘Custodiscimi durante il sonno?’. Parlo con lui? Gli chiedo consiglio? E’ al mio fianco. Questa domanda possiamo risponderla oggi, ognuno di noi: com’è il rapporto con quest’angelo che il Signore ha mandato per custodirmi e accompagnarmi nel cammino, e che vede sempre la faccia del Padre che è nei cieli”.

Il nostro augurio è, allora, che il vostro angelo custode possa accompagnarvi e guidarvi sempre per cogliere in pieno l’amore di Dio.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche: 

 

Un articolo di Redazione Spazio Donna pubblicato il 05/01/2018 e modificato l'ultima volta il 07/02/2018